Hotel a Praga
Lista hotel a Praga
Prague the Golden City Prague the Golden City

Home Alberghi Cultura Intrattenimenti Ristoranti Attrazioni Shopping Informazioni Generali

Benvenuti a Praga

Il Ponte Carlo  
Indirizzo:Citta` Vecchia
Orario Apertura: Tutto l` anno
Entrate: No applicabili
Escursioni
Indietro all` indice principale
The Charles Bridge

Dal ponte si respira proprio quel mondo perduto di tanti anni fa. Tutta Praga sembra persa nel tempo e rimasta, in molte parti del centro ai nostri primi anni del novecento, ma il ponte Carlo, ne è davvero il simbolo. n tutta la sua lunghezza, quasi cinquecento metri, si possono vedere tutti i palazzi delle due sponde della Moldava, il fiume che sormonta, godersi una vista unica del palazzo reale e dei due quartieri che unisce, da una parte il centro Stare Mesto con via Karlova e dall’altra la Mala Strana via Nerudova (in onore allo scrittore Neruda). La bellezza del ponte oltre alla visuale che riserva a chi lo attraversa, e tutta nel suo continuo susseguirsi di statue nere, opache ma molto suggestive, non sono certo di marmo, la zona scarseggia di questa pietra, ma rendono l’ambientazione unica e indimenticabile. Prima del Ponte Carlo ne esisteva un altro chiamato Ponte di Giuditta costruito nel 1157 e crollato nel 1342 a causa di una piena del fiume. Carlo IV viene incoronato nel 1355 Imperatore del Sacro Romano Impero e decise di far erigere un altro ponte per imitare la Roma dei grandi Cesari che avevano un percorso di incoronazione sul Tevere. Il ponte fu iniziato nel 1357 e a quei tempi si credeva moltissimo all'astrologia. Per gettare la prima pietra fu calcolata una data propizia dal punto di vista astrologico disegnando una piramide formata dai numeri della data, tutti dispari a scalare di due: 135797531. Su un lato si trova l'anno 1 3 5 7, in cima il giorno 9 e sull'altro lato il mese 7 l'ora e i minuti 5 3 1. La prima pietra fu gettata il 9 Luglio alle 5.31 della mattina. Questo ha portato fortuna al ponte che non è mai crollato completamente. Crollarono solo due arcate l'ultima volta nella seconda metà del 1800. Carlo IV aveva chiesto ad ogni villaggio del regno di inviare un carro di uova il quale albume sarebbe servito a tenere la malta più saldamente. Questa non è una leggenda. Ci sono prove dell'utilizzo delle uova anche per la Cattedrale di San Vito. La leggenda dice invece che un villaggio di ingenui aveva mandato un carro di uova sode... L'architetto è Petr Parler, lo stesso che ha costruito la Cattedrale di San Vito. Il ponte ha quindi un origine gotica, medievale ma le statue che lo caratterizzano sono più recenti. Sono state posizionate a partire dal 1600 per volere dei Gesuiti che avevano due conventi alle due estremità del ponte e volevano quindi creare un corridoio spirituale di congiunzione. L'ispirazione viene dal Ponte Sant'Angelo di Roma. I santi rappresentati sono tutti quelli conosciuti a parte alcuni che sono i patroni nazionali. Le statue sono così nere a causa dell'inquinamento di Praga; sono in pietra arenaria e il nero è così in profondità che non si può più pulire ed è per questo che si stanno sostituendo con copie che sono quelle più chiare. All'inizio del 1900 sul ponte ci passava una linea di tram e negli anni '50 perfino le automobili. La statua di San Giovanni Nepomuceno C'è una statua che tutti toccano sul Ponte Carlo. La statua rappresenta San Giovanni Nepomuceno che era il prete di corte di Venceslao IV. Fu fatto uccidere su richiesta del re; si dice perché si fosse rifiutato di riferire al re le confessioni della regina ma in realtà stava portando a Praga un Vescovo scomodo all'imperatore. Circa verso la metà del ponte in direzione della Città Vecchia sul parapetto sinistro del ponte si trova una croce con cinque stelle, un basso rilievo luccicante in oro, l’unico su tutto il ponte, è d’obbligo passare a toccarlo per avere fortuna nei futuri dieci anni di vita. Questo è il punto esatto dove San Giovanni Nepomuceno fu gettato nel fiume e si dice che quando toccò l'acqua apparvero le stelle. Qui si deve toccare con la mano sinistra la croce e le stelle insieme e si può esprimere un desiderio sulla propria persona che si dice si possa avverare. Se riuscite e non c’è tanta fila davanti fatevi pure fotografare con lo sfondo del castello. Classico del ponte poi sono i pittori e qualche altro artista che si possono incontrare, tutto nella miglior tradizione della Praga antica. Non rinunciate a un così bel viaggio.



LinkExchange Network



Contenuti
Hotel in Europa
Hotel a Praga
Rep. Ceca
Eventi Culturali
Appartamenti
Gite Guidate
Gruppi
Conferenze
Trasferimenti
Mappa di Praga
Che tempo fa
Libri
Hotel a Budapest
Guida Budapest
Inglese  
Danese  
Francese  
 

N.B. Tutte le prenotazioni sono effettuate attraverso la nostra agenzia di servizi turistici "Codan Agentura"
  • E-mail
  • reservations@codan-agentura.com
  • Fax:
    00420 251019361
  • Telefono:
    00420 251019360

  • Nell`eventualita` di qualsiasi aiuto o consiglio durante la Vostra permanenza, invitiamo a contattare la nostra sede a Praga situata in: Zlatnicka 10, Praga 1; telefonare al numero d` emergenza indicato sul Voucher a prenotazione effettuata; un rappresentante del nostro team, sara` lieto di informaVi ed esaudire qualsiasi Vostro desiderio.

    Per ulteriori informazioni o chiarimenti riguardanti i servizi offerti dalla nostra Agenzia CoDan Agentura, invitiamo la gentile clientela ad inviare un email al seguente indirizzo telematico: reservations@codan-agentura.com